Strasburgo e Francoforte: due importanti momenti di presenza e confronto per lo sviluppo e l’interazione culturale

Strasburgo e Francoforte: due importanti momenti di presenza e confronto per lo sviluppo e l’interazione culturale

Il mese di ottobre ha visto il SEPS presenziare a due tra i più importanti appuntamenti per il mondo della cultura.
Il 6 ottobre 2010, infatti, il SEPS ha preso parte alla sessione autunnale della Conferenza delle ONG presso il Consiglio d’Europa a Strasburgo, sottolineando il ruolo cruciale del libro quale diritto fondamentale di una società autenticamente democratica e aperta.
Purtroppo la perdurante crisi economica vede sempre più spesso e in tutti i paesi una forte contrazione dei fondi destinati dai singoli stati alla cultura.
Per questo il ruolo degli editori e soprattutto la possibilità dei contatti che si possono avviare da paese a paese assume un ruolo non sostitutivo ma certamente sussidiario per la promozione della cultura.
In questo senso il ponte ideale creato dalla Conferenza delle ONG a Strasburgo con la Fiera del Libro di Francoforte 2010, che si è svolta in contemporanea, è stato un momento quanto mai fondamentale.
Nello stesso tempo, infatti, il SEPS ha preso parte anche alla Fiera del Libro di Francoforte, allo scopo di semplificare i contatti già avviati e promuoverne di nuovi. Tra i molti editori incontrati: Stanford University Press (USA), Verso (UK), Reclam (GER), Trotta, Plaza y Valdes (SPA), De Boeck (BEL), Ves Mir, St. Andrews (RUS), Ediçoes 70 (POR), IKZS (SER), Warsaw University Press (POL), Dituria (ALB), oltre a numerosi editori italiani, tra i quali Adelphi, Bollati Boringhieri, Minimum Fax, Gremese, Piccin, Armando, O barra O, Edizioni Ambiente.
Le testimonianze di interesse ricevute dal SEPS durante questi due appuntamenti sono state veramente significative, anche perché proprio grazie ai nostri contributi è stato e sarà possibile aiutare la pubblicazione di opere di alto valore scientifico, che altrimenti le regole del mercato cancellerebbero.