La democrazia attraverso i diritti

Il costituzionalismo rigido ha cambiato profondamente la natura del diritto e della democrazia, imponendo alla politica limiti e vincoli sostanziali, a garanzia dei diritti fondamentali costituzionalmente stabiliti. Oggi l’intero edificio della democrazia costituzionale è aggredito, come modello teorico e come progetto politico, dall’asimmetria tra il carattere globale dei poteri economici e finanziari e i confini ancora statali del diritto e della democrazia; dall’abdicazione al ruolo di governo della politica, tanto impotente e subordinata ai mercati quanto onnipotente nei confronti dei soggetti deboli e dei loro diritti; dal generale sviluppo dell’illegalità o peggio dall’assenza di regole sui poteri, sia pubblici che privati. L’espansione del costituzionalismo e la costruzione delle sue garanzie all’altezza dei nuovi poteri economici globali è perciò il compito principale della politica e la sola alternativa razionale a un futuro di disordini, di violenze, di disuguaglianze e devastazioni ambientali, oltre che di involuzioni autoritarie e antidemocratiche.

Autore: 
Luigi Ferrajoli
Pubblicato nel: 
2013
Tradotto in spagnolo da:
con il titolo: La democracia a través de los derechos