La vita e le regole

Può il diritto impadronirsi della nuda vita? La società deve rassegnarsi a essere chiusa nella gabbia d'acciaio di un'onnipresente e pervasiva dimensione giuridica? Il libro di Stefano Rodotà affronta in tutta la sua vastità il tema del diritto in relazione alle scelte etiche, sociali e politiche della società contemporanea, alla pervasività del suo potenziale dominio e, di conseguenza, ai limiti da imporre al suo esercizio.
 

Autore: 
Stefano Rodotà
Pubblicato nel: 
2006
Tradotto in spagnolo da: