Prognosticum futuri saeculi

Cosa accade quando moriamo? Possono i defunti "vedere" ciò che accade sulla terra? Quali caratteristiche avranno i nostri corpi resuscitati? Le anime beate in Paradiso conoscono ciò che accade alle anime dannate? Che cosa sappiamo del Purgatorio? Queste e molte altre questioni circa l'aldilà hanno affascinato i Cristiani fin dai primi tempi.
Giuliano (642-690), Vescovo di Toledo in Spagna, fu il primo teologo cristiano ad organizzare una trattazione sistematica di Escatologia Cristiana. Egli non propone le sue personali teorie, ma piuttosto ricerca e sintetizza la sapienza teologica dei Padri della Chiesa a lui antecedenti e in tal modo riesce a ricostruire in maniera ordinata il loro pensiero per offrirlo ad un vasto pubblico di lettori; proprio per questo motivo il Prognosticum di Giuliano ebbe una straodinaria diffusione in tutte le Biblioteche cristiane dell'alto e basso Medioevo.

La Spagna del VII secolo, nella quale le culture ispano-romana e Visigota si unirono e si contrapposero frequentemente, fu un'epoca affascinante per la Chiesa Cattolica della penisola Iberica.

Il traduttore ed editore dell'opera, Tommaso Stancati O.P., in aggiunta alla sua traduzione del Prognosticum, fornisce al lettore, in quattro capitoli, una magistrale introduzione alla vita e alle opere di Giuliano di Toledo, insieme ad un ampio commento teologico e ad un dettagliato apparato di note.
 

Autore: 
Giuliano di Toledo
Pubblicato nel: 
2010
Tradotto in Italiano da:
con il titolo: Il preannuncio del mondo che verrà